Home > Mackie Messer > Mackie Messer #3 > Parliamo di cinema

Mackie Messer #3 > Parliamo di cinema

Di fretta fra un film e l'altro del Festival Internazionale del Festival di Roma. Per la serie "nonsoloteatro". Sì perché per una settimana all'anno mi sembra giusto dare la precedenza alla settima arte. E poi i festival sono belli, e poi ai festival di cinema l'accredito si paga! 😉
Per adesso ho visto 14 film (non mi sembra male in 4 giorni, dato che nel mezzo ci ho infilato anche una Wunderkammer Soap di ricci/forte, il vernissage della mostra Universo Parallelo I Out of a Singularity di Rui Toscano e un cocktail stravip sulla terrazza dell'Hotel Minerva). Vado a mettere ordine sui film:

Selezione ufficiale. Concorso
Hysteria [photo: bimfilm.com] di Tania Wexler > L'invenzione del vibratore nella Londra vittoriana, commedia inglese simpatica con Rupert Everett e Maggie Gyllenhaal. All'ingresso in sala distribuivano vibratori alle signore. Il momento migliore! Voto 7
Hotel Lux di Leander Haussmann > Delusione, buoni gli intenti. Due comici a Berlino fanno l'imitazione irriverente a Hitler e a Stalin, poi scoppia la guerra. Voto 5
Une vie meilleure di Cedric Khan > Per ora il mio favorito. Francese, ovviamente. Una storia semplice di vita difficile, di due giovani innamorati alle prese con problemi molto gravi. Uno sguardo lucido una scrittura limpida. Voto 8 1/2

Hysteria_1

   Selezione ufficiale. Fuori concorso
The Lady di Luc Besson > Film d'apertura. In sala vari tipi di vip tra cui Jean Todt (produttore associato del film!), Boy George (che ci faceva?), Gianni Letta e Gianni Alemanno. La storia del nobel birmano Aung san Suu Kyi, mi tocca molto il tema (son stato in Birmania nel 2006) ma il risultato non mi sembra che scavi fino in fondo nel problema politico presente, prediligendo il lato sentimentale della donna alle prese con la distanza dalla famiglia. Voto 6 1/2
Like Crazy di Drake Doremus > Altro film interessante su una giovane coppia. Bellissima la protagonista Felicity Jones. Voto 8
A Few Best Men di Stephan Elliott > Convulsioni in sala per questo film del regista di Priscilla la regina del deserto. In stile Funeral party ma forse più comico ancora. Voto 7 1/2
Mon pire cauchemar [photo: bimfilm.com] di Anne Fontaine > Altra ottima pellicola. Sensazionale Isabelle Huppert e l'altro attore protagonista. Ennesima storia d'amore tribolata. Fa riflettere con ironia sui nostri pregiudizi legati alle differenza di "classe". Voto 8

monpirecauchemar_jp_06

L'altro cinema extra. Concorso
Girl Model  di David Redmon, Ashley Sabin> Documentario sulla compravendita di modelle dalla Siberia. La videocamera segue una tredicenne e il suo viaggio a Tokyo. La scout che l'ha scoperta e il boss dell'agenzia sono di una brutalità sottile e forse non se ne rendono conto. Agghiacciante. Voto 7
From The Sky Down di Davis Guggenheim > Altro documentario, sugli U2 a 20 anni dall'uscita di Achtung baby. Per me ricordi di adolescenza e un gran ritmo nelle orecchie. Voto 7

L'altro cinema extra. Fuori concorso
Turn me on, Goddammit!  di Jannicke Systad Jacobsen > Le inquietudini erotiche di una giovanissima in un paesino remoto della Norvegia. Tra mastrubazioni e giovani piselli in evidenza. Shockante sopratutto perché nessuno in Italia farebbe un film simile. Ma è una commedia gradevole, e parecchio low-budget. Voto 7

Alice nella città
Dudamel: Let the children play  di Alberto Arvelo > Doc su Gustavo Dudamel, direttore della Filarmonica di Berlino e massimo esponente de El Sistema ovvero il programma di educazione musicale venezuelano che sta facendo il giro del mondo per la sua efficacia. Un documentario sulla forza esplosiva della musica, perfetto per i teenagers di Alice nella città. Voto 7 1/2
La brindille di Emanuelle Millet > Una giovane e indipendente ragazza francese ha a che fare con una gravidanza inaspettata. Film gioiellino molto adatto – anche questo – alla sezione Alice nella città. Voto 7

Eventi speciali
La meravigliosa avventura di Antonio Franconi di Luca Verdone > Inguardabile. Bisognerebbe denunciare chi gli ha dato i soldi per farlo. Voto 3

Occhio sul mondo
The Deep Blue Sea di Terence Davies > Un po' manierista, molto british ma gradevole questo film su un amore a 3 nella Londra post-bellica. Rachel Weisz è strepitosa. Voto 6 1/2

Temi ricorrenti:
– giovani coppie che dopo una notte di sesso si innamorano davvero. 
– mancanza del padre in molti dei protagonsiti, famiglie a metà.
– difficoltà di vivere insieme le storie d'amore, problemi di visti, problemi con la legge 
– poco cinema asiatico, africano e sudamericano, parecchie commedie, molto USA e UK

Lunedì integro con i film dei prossimi giorni. sp

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia la tua impronta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: