Archivio

Posts Tagged ‘Teatro dei Venti’

Il #Konsulta LAB inaugura #Trasparenze2013 (dal 29 settembre al 5 ottobre)

Comincia oggi #Trasparenze2013! fattiditeatro è Social Media Partner per il secondo anno e racconterà il festival sul web. Da segnalare anche il contest Instagram proposto da @igersmodena.

Instagram: viastella8

Instagram: viastella8

Il festival propone anche quest’anno un workshop ad hoc per la #konsulta, il gruppo di giovani modenesi e non solo che affiancano la direzione artistica nella scelta degli spettacoli. Ecco il programma completo con tutte le info:

#Konsulta LAB
laboratorio di sguardo, scrittura e mediattivismo teatrale per la Konsulta di #Trasparenze2013
ideato e condotto da Simone Pacini/fattiditeatro
con Silvia Mei e Altre Velocità

Modena, dal 29 settembre al 5 ottobre 2013

Il laboratorio è gratuito e aperto ai giovani dai 16 ai 25 anni che vogliono far parte della Konsulta. Per info scrivici o iscriviti al gruppo facebook. Unisciti a noi!

Nel 2012, durante la prima edizione di Trasparenze, la Konsulta (i giovani che affiancano la direzione artistica nella selezione degli spettacoli) ha partecipato al LABORATORIO DI COMUNICAZIONE PER SPETTATORI ATTIVI “TRA WEB E PLATEA” durante il quale sono stati affrontati argomenti come il twittering e la Tag Cloud Live, il blogging e la scrittura, il video e la fotografia (e durante il quale il gruppo si è definitivamente ribattezzato #Konsulta!). Facendo tesoro di questa esperienza, nel 2013 la proposta ad hoc per questo gruppo di giovani si allarga, coinvolgendo alcuni tra gli operatori con lo sguardo più innovativo alla scena contemporanea e realizzando insieme a loro un triplice laboratorio. Simone Pacini, Silvia Mei e Altre Velocità stimoleranno “il pubblico di domani” verso l’interazione con gli spettacoli del festival attraverso un approccio critico, innovativo e attivo.

PROGRAMMA

29 settembre > ore 17-19 L’IMPORTANZA DELL’HASHTAG con Simone Pacini
Gettiamo le basi per il digital storytelling del festival con gli hashtag #trasparenze2013 e #konsulta imparando a utilizzare Twitter, Instagram, Vine e gli altri social. In questo modo, con un lavoro breve ma quotidiano, riusciremo a raccontare l’esperienza-festival vissuta attivamente sia durante gli spettacoli che nelle ore di laboratorio.

30 settembre > ore 17-19 COSA VEDO QUANDO GUARDO con Silvia Mei
É un percorso che si propone di turbare l’ortodossia della visione intesa come fedele registrazione dell’accadimento scenico. La vista è un dispositivo o una finalità dell’occhio? L’occhio interpreta, proietta o registra? Durante il primo incontro si comincia a esercitare uno sguardo di primo tipo o “etnografico” per cui l’evento scenico è una stratificazione di segni e forme all’interno di speciali cornici. Esempi dalle arti visive e clip teatrali funzioneranno da campo di esercitazione.

1 ottobre > ore 17-19 PAROLE E IMMAGINI con Silvia Mei
L’occhio attrezzato è uno sguardo sapiente. Sa cosa vedere e come guardarlo. Ma le modalità di questo sguardo riposano nella personale sensibilità dell’osservatore. La scrittura critica è una scrittura che comincia nell’atto di guardare e si costruisce nell’arco dello spettacolo in quanto attività parallela. Imparare a gestire questo tipo di lavoro mentale come “bipolare” può precipitare in un ulteriore gesto creativo.

2 ottobre > ore 17-19 PROPORRE CHIAVI DI LETTURA con Altre Velocità
Chiunque inizi a coltivare un pensiero critico presto o tardi dovrà confrontarsi con il proprio personale gusto. Se uno spettacolo ci ha entusiasmato, o se al contrario ci ha lasciati contrariati, come riusciremo a trasmetterlo agli altri? Come si supera la soglia del “mi piace / non mi piace”? In questa giornata metteremo a punto collettivamente una strategia di osservazione che sia in grado di diventare ipotesi di restituzione.

3 ottobre > ore 17-19 ALLA PROVA DELLA SCRITTURA con Altre Velocità
Alla luce degli spettacoli che vedremo, metteremo alla prova la strategia proposta il giorno precedente. In ascolto dei pensieri di tutti, cercheremo di riconsiderare le personali visioni di ognuno. Ci sperimenteremo infine in una concreta esercitazione di scrittura, così da garantire a tutti i partecipanti un primo parziale banco di prova potenzialmente in grado di essere sviluppato autonomamente nel futuro.

4 ottobre > ore 17-19 STORIFYZZIAMOCI! con Simone Pacini
Storify è un aggregatore di social network che sfrutta a pieno le potenzialità degli hashtag. Va a braccetto con Twitter, Instagram e Vine ed è l’ideale per “storicizzare” il festival #Trasparenze2013. In questo ultimo giorno di lab la #Konsulta prepara uno Storify ad hoc da mostrare il giorno dopo nell’Open Lab.

5 ottobre > ore 16-17 OPEN LAB (Bar Lumi, Parchetto S. G. Bosco)
La #Konsulta racconta la settimana trascorsa. Il laboratorio si apre al popolo di Trasparenze mostrando ciò che ha prodotto in questa settimana di lavoro: recensioni, foto, tweet, istant video. I partecipanti al lab escono dall’aula e si confrontano con il quartiere e con il mondo del teatro. Un momento collettivo finale per analizzare i momenti salienti del festival e del laboratorio e per fare proposte per l’edizione 2014.

#Trasparenze2013: mettiamoci il cuore!

bodypart.jpg

Dopo un bando e una lunga selezione ecco il programma completo di #Trasparenze2013, seconda edizione del progetto di festival e residenze ideato e organizzato da Teatro dei Venti, ATI Teatro dei Segni e Officinae Efesti (qui un post riepilogativo sulla prima edizione, qui lo Storify con tutti i tweet 2012). Anche quest’anno fattiditeatro è media partner. #Trasparenze2013 sarà a Modena dal 29 settembre al 5 ottobre con spettacoli, workshop, incontri, concerti presso il Teatro dei Segni, il Complesso San Giovanni Bosco, Mr Muzik OFF e altri luoghi adiacenti.

Una seconda edizione che vuole ancora di più abitare i luoghi e favorire gli incontri, partendo sempre dall’attenzione per il pubblico di domani, rappresentato dalla #Konsulta, e per chi questi luoghi li vive quotidianamente: un atelier della scena contemporanea dietro casa e a portata di click, seguendo il blog, Twitter, Facebook, Instagram, Vine e l’hashtag #Trasparenze2013. Stiamo preparando un nuovo laboratorio ad hoc per la #Konsulta (che rilancia i temi del laboratorio 2012) con Silvia Mei e Altre Velocità (maggiori info a breve). E saranno più del doppio rispetto all’anno scorso le compagnie presenti, tra cui segnalo b a b y g a n g, Carrozzeria Orfeo, Collettivo InternoEnki, Carullo-Minasi, Fratelli Dalla Via, Rosabella Teatro e Teatropersona. Tutte le info su www.trasparenzefestival.it.

Ci vediamo a Modena!

> Scarica il programma in pdf

> Leggi la presentazione della direzione artistica

M.E.D.E.A BIG OIL

M.E.D.E.A BIG OIL

IAT 6-12mag: accademia degli artefatti, Tony Clifton Circus, Teatro dei Venti

IAT veloce (e in ritardo) anche per questa settimana. Vi prego di segnalare gli spettacoli che non son riuscito a inserire nei commenti al post!

Roma. accademia degli artefatti presenta Taking care of baby di Denis Kelly con Isabella Ragonese al Piccolo Eliseo (dal 7 al 19). Dopo l’anteprima a Perdutamente, all’Angelo Mai il secondo studio di Tony Clifton Circus sulla boxe: lo spettacolo Losers all’interno della due giorni DENTEperDENTE (10 e 11). A #parabolefraisanpt Teatro dei Venti propone Senso Comune (dal 9 all’11). Le voci di dentro di Eduardo De Filippo con la regia di Toni Servillo al T. Argentina (dal 7 al 2 giugno).

Taking care of baby - photo: teatroeliseo.it

Taking care of baby – photo: teatroeliseo.it


Milano
Le retour (Il ritorno a casa) di Harold Pinter, regia Luc Bondy al Piccolo Teatro Strehler (dall’8 al 12); il Teatro delle Albe ancora all’Elfo con Rumore di acque e Overture Alcina (dal 9 al 12). Joy di e con Davide D’Antonio e Roberto Capaldo, produzione TEATRO INVERSO/RESIDENZA IDRA a Campo Teatrale (dal 10 al 12).

Toscana. Per Teatri di Confine 2013, Maros-Gelo da Cechov adattamento e regia Renata Palminiello (10 e 11) alla Villa di Scornio di Pistoia. Continua Fabbrica Europa con, tra gli altri, Benoit Lachambre, Alvis Hermanis (leggi un approfondimento in occasione della sua venuta a Roma nel 2008) e Virgilio Sieni a Firenze (Stazione Leopolda, T. Florida e T. della Pergola). A POSTO, progetto di Ambra Senatore coreografia di Ambra Senatore in collaborazione con Caterina Basso, Claudia Catarzi al Castello Pasquini di Castiglioncello (LI). Prima nazionale per SENZA GIOIA di Ilaria Mavilla con Monica Bauco e Antonio Fazzini, regia Ciro Masella, al T. delle Donne di Calenzano (FI).

On-line il bando Trasparenze 2013: form sul blog e apertura internazionale (scadenza 31 maggio 2013)

LogoBandoE’ on-line il bando della seconda edizione di Trasparenze > Festival e Residenze Teatrali (scadenza 31 maggio 2013). Anche quest’anno fattiditeatro è social media partner. Continua l’esperienza della Konsulta, rinnovamento del pubblico e formazione. Due le sostanziali novità di quest’anno: le compagnie e i singoli artisti possono partecipare compilando i form direttamente on-line sul blog di Trasparenze. Inoltre, l’edizione 2013 è aperta anche ad artisti internazionali che potranno partecipare seguendo i medesimi canali previsti per compagnie e artisti italiani.

Il Teatro dei Venti, in collaborazione con Officinae Efesti e l’ATI Teatro dei Segni promuove la seconda edizione del bando Trasparenze > Festival e Residenze Teatrali. La prima edizione si è posta l’obiettivo di sperimentare una coesione tra teatro contemporaneo e luoghi del quotidiano, con le persone che lo vivono e che non occupano semplicemente questi spazi. La prima edizione ha inoltre dato spazio concreto e operativo alla partecipazione di giovani tra i 16 e i 25 anni, la Konsulta, che con il proprio sguardo indipendente ha affiancato la direzione artistica composta da Agostino Riitano e Stefano Tè nella creazione del progetto. La Konsulta infatti ha partecipato attivamente alla selezione degli artisti da invitare, seguendo la loro permanenza e gli spettacoli, elaborando riflessioni da condividere. Trasparenze anche per questa seconda edizione è composto da 2 sezioni: FESTIVAL (che si terrà nell’ottobre 2013) e RESIDENZE (durante la stagione 2013/2014, date da definire). La partecipazione al bando è gratuita. Ogni compagnia potrà partecipare a entrambe le sezioni, ma sarà eventualmente selezionata solo per una.

Per Trasparenze 2013 si vogliono affermare in maniera ancora più forte e decisa i tre principi fondamentali della prima edizione:
1) Il consolidamento della Konsulta. Si intende infatti perseverare nel percorso di rinnovamento del pubblico teatrale tradizionale e di sensibilizzazione nonché formazione delle giovani generazioni, ovvero il pubblico di riferimento del futuro.
2) La relazione con il territorio e i cittadini. La volontà resta quella di contaminare il teatro contemporaneo di spazi della vita quotidiana e soprattutto di permettere al teatro di essere accolto da chi vive i luoghi del contemporaneo.
3) La valorizzazione dei modelli e processi creativi, al fine di stimolare una movimentazione dell’arte più dinamica e aperta rispetto alla situazione attuale.

Il bando, le informazioni dettagliate e i contatti sul blog di Trasparenze.

La Konsulta - photo: Chiara Ferrin

La Konsulta – photo: Chiara Ferrin

fattiditeatro a Modena per la prima edizione del festival Trasparenze (dal 22 al 27 ottobre)

Dopo VolterraTeatro e SHORT THEATRE, terza media partnership del nostro blog con un festival teatrale. Fra pochi giorni ci spostiamo a Modena per la prima edizione di Trasparenze – Atelier della scena contemporanea. Per una settimana tutto ruoterà attorno a Teatro, Web e Territorio. Se da un lato una Consulta di Valutazione ha selezionato alcuni degli spettacoli in scena e stimolato la città con due recenti flashmob molto partecipati, dall’altro ci sarà in quei giorni un laboratorio di comunicazione per spettatori attivi “tra web e platea”. Per tutto il festival, ovviamente, utilizzeremo twitter (con #trasparenze2012) in un’ottica non solo promozionale ma anche narrativa e ludica.

Dal 22 al 27 ottobre 2012, quindi, il Teatro dei Segni e il quartiere San Giovanni Bosco di Modena si accenderanno per la prima edizione del festival (un progetto di Teatro dei Venti, ATI Teatro dei Segni e Officinae Efesti con il sostegno di Comune e Provincia di Modena, Regione Emilia-Romagna e Fondazione Cassa di Risparmio). Trasparenze ruota tutto intorno all’incontro con i giovani, alla ricerca continua degli spettatori di domani. Cinque spettacoli in cartellone sono stati selezionati da una Consulta di Valutazione composta da ragazzi dei Centri di Aggregazione Giovanile del Comune di Modena, giovani tra i 16 e i 24 anni, che con passione e serietà hanno scelto tra le circa 300 proposte arrivate. Il festival ha un programma che guarda alla scena contemporanea nazionale, ma vuole sopratutto contaminare pubblico e linguaggi radicandosi nel territorio, per questo propone incursioni fuori dal teatro con eventi in luoghi cardine della vita sociale del quartiere – la Casa Protetta per anziani, la Scuola Primaria, le vicine sale parrocchiali.

Flash Mob #1 – photo: Chiara Ferrin/ViaStella8

“Il Teatro dei Venti di Modena, in risposta al persistente senso di smarrimento, cercando di non perdere mai il gusto del fare – per il Teatro e tramite il Teatro, ha stretto un sodalizio con Officinae Efesti di Napoli, con la quale ha deciso di immaginare e concretizzare un progetto di festival come laboratorio permanente ed occasione di incontro tra i linguaggi. Siamo convinti che lo scambio delle competenze e l’unione delle esperienze sia la sfida della generazione del tempo presente, un’occasione per confondersi e valutare oltre il già praticato. Il festival Trasparenze – Atelier della scena contemporanea fa tesoro dell’esperienza di Eruzioni Festival e diviene luogo di comunità temporanea. Uno spazio per valorizzazione modelli e processi creativi, al fine di stimolare una movimentazione dell’arte più dinamica e aperta dell’attuale, capace di riflettere le contemporaneità che ci sono e quelle che verranno. Non cerchiamo di scoprire qualcosa di nuovo, ma qualcosa di sommerso, quella brace sotto la cenere che tiene calda la cultura e l’arte. Il programma di questa prima edizione si compone di spettacoli, incontri, presentazioni e laboratori che abiteranno teatri, parchi pubblici e luoghi di aggregazione della città di Modena, che si vestirà per sette giorni con le aspirazioni e le visioni dei circa 50 giovani artisti ospiti. Trasparenze in fin dei conti è un azzardo, e invitiamo tutti a puntare insieme a noi!” Direzione Artistica (Agostino Riitano e Stefano Tè)

Biancofango, Kronoteatro, Riserva Canini, Teatro Magro, Zaches Teatro sono le compagnie che avranno la possibilità di mostrare i loro lavori ma anche di incontrare e dialogare con la Consulta di Valutazione e con la città di Modena. Completano il programma alcuni studi teatrali, incontri e proiezioni di documentari.

Ci vediamo a Modena!

Flash Mob #2 – photo: Chiara Ferrin/ViaStella8

#trasparenze2012 è su Twitter per un teatro partecipato

Il festival #trasparenze2012 (a Modena dal 22 al 27 ottobre), di cui fattiditeatro è media partner, da un lato cerca il dialogo con i giovani e il territorio, dall’altro s’impossessa del web come strumento di promozione, formazione e narrazione.

Leggi l’articolo completo sul blog del festival: #trasparenze2012 è su Twitter per un teatro partecipato

La Consulta di Valutazione di #trasparenze2012 [photo: Chiara Ferrin]

IAT 28mag-3giu > Al via la IV edizione di Argot Off. Fine stagione sui versanti milanese e toscano

Con questo numero, lo IAT settimanale va in vacanza, giugno e luglio vedranno solo dei contributi mensili basati sui festival. Un saluto a tutti i lettori fattiditeatro!

#ROMA

29 mar @ T. Ambra Garbatella > EXIT – Emergenze per Identità Teatrali con tre spettacoli: la compagnia Overlook con Il tempo di una sigaretta di Enrico Antognelli, regia di Massimiliano Zeuli, con Roberto Mantovani, Francesca Palmas, Massimiliano Zeuli. La compagnia Teatraltro presenta Capitan Fracassato, tratto dal romanzo di Teophile Gautier, scritto, diretto ed interpretato da Eduardo Ricciardelli. Abraxa Teatro in scena con GIOCO SEGRETO, più nitida è l’Ombra più forte è la Luce di e con Francesca Tranfo, regia e drammaturgia di Emilio Genazzini. [fino al 31]

29 mar @ T. India > La palestra ore 18:00 di Giorgio Scianna, regia Veronica Cruciani. Con Filippo Dini, Fulvio PepeTeresa Saponangelo, Arianna Scommegna. Due uomini e una donna in una palestra deserta si aggirano tra pesi e attrezzi, e aspettano. Sono stati convocati all’improvviso dalla preside della scuola dei loro figli. L’arrivo della donna li trascina nel mistero di un’indagine dove tutti si fanno male, tutti si contrappongono, nell’esplosione violenta del conflitto tra ciò che è giusto fare e la protezione della propria famiglia. Un dramma attuale, coinvolgente e spietato su come anche gli adulti possono diventare branco. [fino al 3giu]

29 mar @ T. Argot > Finale di stagione con ARGOT OFF 4. In scena Teatro dei Venti [sotto 2 tweet], SemintestaTeatro, MatutaTeatro, Laura GraziosiLivia Castiglioni, IndigenaTeatro, Baby Gang, La Fabbrica [leggi la recensione], Alessandro Federico e Collettivo Pirate Jenny. [fino al 20giu]

#MILANO

28 lun @ PIM OFF > CATIA LEITAO DANZA in Exquisite Frame. Dall’esplorazione pratica di concetti come il linguaggio, il discorso, le tecniche e i metodi di trasmissione nel mezzo performativo, gli artisti provenienti da Giappone, Austria, Brasile e Portogallo analizzano le più alte modalità di produzione della conoscenza, cercando di minimizzare la distanza tra la logica creativa del trasmettitore (artista) e la logica del ricevitore (spettatore). Questa minimizzazione dello spazio tra i due poli non implica alcuna intenzione di controllare il messaggio trasmesso allo spettatore, piuttosto attraverso il lavoro di costruzione di un oggetto artistico “pensante” e non imposto, ci si può avvicinare alla prospettiva di un’investigazione / interrogazione del soggetto. Tuttavia, per raggiungere questo obiettivo la lingua dovrebbe essere riconosciuta da entrambi i poli.

#TOSCANA

29 mar @ T. della Limonaia di Sesto Fiorentino (FI) > G. G. Atto unico con molti falsi e qualche verità sulla vita privata di Girolamo Gigli, sanese di Barbara Nativi. Regia di Dimitri Milopulos. G.G. fu il primo testo scritto da Barbara Nativi, presentato e concepito appositamente per il cortile della bellissima villa di Santa Colomba, nei dintorni di Siena, nel 1988, usufruendo, per quell’occasione, della scenografia naturale offerta dalla villa; lo spettacolo infatti anche in questa sua nuova versione, nelle sue repliche all’esterno, si servirà della scenografia naturale che i vari cortili sestesi offriranno. L’ambientazione, nonostante sia riferita al 1711, non sarà storicamente fedele ma “arricchita” e “aggiustata” da ritocchi moderni. Il testo è basato sulla vita di Girolamo Gigli, sulla sua vita pubblica e privata e sulla sua opera, ormai irrimediabilmente sbiadita dal tempo che l’ha privata dalla sua natura originale graffiante, provocatoria e scomoda. G.G infatti fu autore di diverse opere sia teatrali che non. Da tenere presente che molte delle sue opere furono bruciate in piazza considerate offensive e blasfeme. Soprattutto la polemica contro il dialetto fiorentino fu letta in chiave politica, come un attacco a Cosimo e ai Medici, e provocò un vero e proprio scandalo.